Biografia di Samuel Beckett, romanziere irlandese

The best protection against click fraud.

Samuel Beckett (13 aprile 1906 - 22 dicembre 1989) è stato uno scrittore, regista, traduttore e drammaturgo irlandese. Una figura assurda e rivoluzionaria nel dramma del XX secolo, ha scritto sia in inglese che in francese ed è stato responsabile delle proprie traduzioni tra le lingue. Il suo lavoro ha sfidato le costruzioni convenzionali di significato e invece si è basato sulla semplicità per ridurre le idee alla loro essenza.

Qualche dato: Samuel Beckett

  • Nome e cognome: Samuel Barclay Beckett
  • Conosciuto per: Autore vincitore del premio Nobel. Ha scritto le commedie Aspettando Godot e Giorni felici
  • Nato: 13 aprile 1906 a Dublino, Irlanda
  • Genitori: Può Roe Beckett e Bill Beckett
  • Morto: 22 dicembre 1989 a Parigi, Francia
  • Formazione scolastica: Trinity College, Dublino (1927)
  • Opere pubblicate:Murphy, Aspettando Godot, Happy Days, Endgame
  • Premi e riconoscimenti: Croix de Guerre, Premio Nobel (1969)
  • Sposa: Suzanne Deschevaux-Dumesnil
  • Bambini: nessuna
  • Citazione notevole: "No, non mi pento di nulla, tutto quello che mi dispiace è di essere nato, morire è un affare così lungo e noioso che ho sempre trovato."
    instagram viewer

Vita in anticipo e istruzione (1906-1927)

Samuel Barclay Beckett potrebbe non essere effettivamente nato il Venerdì Santo del 1906, come suggerì in seguito. Certificati di nascita contraddittori e registrazioni in maggio e giugno suggeriscono che questo potrebbe essere stato un atto di creazione di miti da parte di Beckett. Ha anche affermato di conservare i ricordi del dolore e della prigionia che sentiva all'interno dell'utero.

Beckett è nato nel 1906 a maggio e Bill Beckett. Bill lavorava in un'impresa di geometra ed era un uomo molto cordiale, attratto dalle corse di cavalli e dal nuoto piuttosto che dai libri. May ha lavorato come infermiera prima di sposare Bill, e come casalinga amava il giardinaggio e le mostre canine. Samuel aveva un fratello maggiore, Frank, nato nel 1902.

La famiglia viveva in una grande casa tudor nel sobborgo Foxrock di Dublino, progettata dall'amico di Bill, il famoso architetto Frederick Hicks. Il terreno comprendeva un campo da tennis, un piccolo fienile per l'asino e arbusti profumati che spesso erano presenti nelle opere successive di Beckett. Mentre la famiglia era protestante, hanno assunto un'infermiera cattolica di nome Bridget Bray, che i ragazzi chiamavano "Bibby". È rimasta con la famiglia per 12 anni e vissuto con loro, fornendo molte storie ed espressioni che Beckett avrebbe poi incorporato nel Giorni felici e Testi per niente III. In estate, l'intera famiglia e Bibby andavano in vacanza a Greystones, un villaggio di pescatori protestante anglo-irlandese. Il giovane Beckett praticava anche il collezionismo di francobolli e le immersioni dalla scogliera, due hobby contraddittori che presagivano la sua successiva precisa diligenza e fissazione con la mortalità. In casa, i ragazzi Beckett erano scrupolosamente puliti ed educati, poiché i modi vittoriani erano estremamente importanti per May.

Samuel Beckett. Artista: anonimo
Samuel Beckett, circa 1920.Heritage Images / Getty Images

Da ragazzo, Samuel frequentò una piccola scuola di villaggio gestita da due donne tedesche, ma se ne andò all'età di 9 anni per frequentare Earlsfort House nel 1915. Beckett, una scuola preparatoria aconfessionale a Dublino, studiò francese lì e divenne attratto dalla composizione inglese, leggendo fumetti con altri scolari. Ha studiato con diversi docenti di specialità che hanno anche insegnato al Trinity. Inoltre, grazie all'influenza di Bill, Beckett si dedicò alla boxe, al cricket e al tennis, in cui eccelleva particolarmente, vincendo i tornei locali.

Nel 1916, a seguito del Rivolta di Pasqua, Frank fu mandato a bordo presso la Portora Royal School di ispirazione protestante nel nord dell'Irlanda. A 13 anni, Samuel fu ritenuto abbastanza grande da potersi imbarcare e si unì alla scuola nel 1920. Una scuola ben considerata ma rigorosa, Beckett amava particolarmente praticare sport e studiare letteratura francese e inglese, compreso il lavoro di Arthur Conan Doyle e Stephen Leacock.

Nel 1923, all'età di 17 anni, Beckett fu ammesso al Trinity College di Dublino per studiare Arte. Ha continuato a giocare a cricket e golf, ma soprattutto, è diventato ampiamente versato in letteratura. Lì fu fortemente influenzato dal professore di lingue romanze Thomas Rudmose-Brown, che gli insegnò su Milton, Chaucer, Spenser e Tennyson. Fu anche influenzato dalla sua amata tutor italiana Bianca Esposito, che gli insegnò i suoi scrittori italiani preferiti, tra cui Dante, Machiavelli, Petrarca e Carducci. Viveva a casa con i suoi genitori e faceva il pendolare a scuola e alle rappresentazioni delle tante nuove commedie irlandesi in anteprima a Dublino.

Nel 1926, Beckett iniziò a sperimentare una grave insonnia, che lo avrebbe afflitto per il resto della sua vita. Ha anche contratto la polmonite e ha letto i romanzi pulp racing di Nat Gould mentre era a letto. La sua famiglia lo ha mandato in Francia per l'estate per cercare di aiutare la sua guarigione, e ha girato in bicicletta per il sud con un americano che ha incontrato, Charles Clarke. Beckett continuò il suo fascino francese quando tornò a Trinity e fece amicizia con il giovane docente francese Alfred Péron, che era in un prestigioso scambio di due anni dal École Normale. Quando Beckett si laureò alla fine del 1927, fu raccomandato da Rudmose-Brown come docente di scambio di Trinity presso il École. Tuttavia, la posizione è stata temporaneamente occupata dal docente del Trinity Thomas MacGreevy, che ha voluto rimanere per un altro anno, nonostante l'insistenza di Trinity affinché Beckett prendesse il posto. MacGreevy vinse e fu solo nel 1928 che Beckett riuscì a prendere il posto di Parigi. Sebbene frustrati per la situazione, lui e MacGreevy divennero intimi confidenti a Parigi.

I primi lavori e la seconda guerra mondiale (1928-1950)

  • "Dante... Bruno. Vico... Joyce. " (1929)
  • Whoroscope (1930)
  • Proust (1931)
  • Murphy (1938)
  • Molloy (1951)
  • Malone muert (1951)
  • L'innommabile (1953)

Mentre insegnava a Parigi, Beckett ha partecipato alle scene intellettuali irlandesi native ed espatriate. Ha studiato francese con George Pelorson, ed era noto per rifiutarsi di incontrarsi la mattina, mentre dormiva attraverso di loro. Anche Becket ne era innamorato James Joycee iniziò a lavorare per lui come segretaria non retribuita. Joyce era cresciuta povera e si divertiva a fare un fattorino di elegante protestante Beckett. Beckett, insieme a una schiera di giovani irlandesi, ha assistito Joyce in alcuni fraseggi e ricerche per Finnegan's Wake per aiutare a compensare la scarsa vista dell'autore. Beckett ha affermato che “Joyce ha avuto un effetto morale su di me. Mi ha fatto realizzare l'integrità artistica. "

Nel 1929 scrisse la sua prima pubblicazione, un brillante saggio in difesa del genio e della tecnica di Joyce, "Dante... Bruno. Vico... Joyce. " Il culmine del suo lavoro critico è stato Proust, una lunga esplorazione sull'influenza di Proust, che fu pubblicata nel 1931 e ben accolta a Londra, se trattata a Dublino. Beckett traduceva sempre la sua opera in francese, ma rifiutava Proust come lo riteneva pretenzioso.

Ritratto di Samuel Beckett
Ritratto del romanziere d'avanguardia irlandese, drammaturgo, regista teatrale e poeta Samuel Beckett (1906-1989).Corbis / Getty Images

I tentativi dei suoi amici di alleviare la depressione di Beckett portarono alla sua sottomissione al concorso per libri di testo di Nancy Cunard e alla pubblicazione nel 1930 della sua poesia Whoroscope, una meditazione farsesca su Cartesio. Mentre era a Parigi, Beckett si impegnò anche in seri flirt con sua cugina Peggy Sinclair e Lucia Joyce, ma tornò a Trinity per tenere una conferenza nel 1930. Durò solo un anno nel mondo accademico e, nonostante il suo contratto triennale, partì per viaggiare in Europa e scrivere, stabilendosi a Parigi nel 1932, dove scrisse il suo primo romanzo, Sogno di donne giuste per le donne mediocri e ha tentato di ottenere un lavoro di traduzione. Una narrazione intenzionalmente incoerente ed episodica, il testo non sarebbe stato tradotto fino al 1992, dopo la morte di Beckett.

Rimbalzò avanti e indietro tra Dublino, in Germania e Parigi fino al 1937, quando si trasferì definitivamente a Parigi. Nel 1938 pubblicò il suo primo romanzo in lingua inglese, Murphy. Dopo la sua breve ma tempestosa relazione con Peggy Guggenheim, incontrò Suzanne Deschevaux-Dumesnil, leggermente più anziana, e la coppia iniziò a frequentarsi. Beckett rimase a Parigi, in virtù del suo passaporto irlandese, dopo che la seconda guerra mondiale iniziò formalmente in Francia nel 1939 e l'occupazione tedesca iniziò nel 1940. Ha detto "Ho preferito la Francia in guerra all'Irlanda in pace". Per i due anni successivi, lui e Suzanne operarono con la resistenza, traducendo comunicazioni come parte del Gloria SMHteam dall'Inghilterra. Quando il loro gruppo fu tradito, la coppia fuggì nel villaggio meridionale di Roussillon, dove Beckett e Deschevaux-Dumesnil rimasero sotto copertura e scrissero fino alla liberazione nel 1945.

Dopo essere tornato a Parigi, Beckett iniziò a elaborare la guerra attraverso un intenso periodo di scrittura. Non pubblicò quasi nulla per cinque anni, ma scrisse un'immensa quantità di lavoro che, con l'aiuto di Deschevaux-Dumesnil, trovò pubblicazione su Les Éditions de Minuit all'inizio degli anni '50. La trilogia non trilogica di romanzi polizieschi di Beckett, Molloy e Malone meurt furono pubblicati nel 1951 e L'innommabile è stato pubblicato nel 1953. I romanzi in lingua francese perdono lentamente ogni senso di realismo, trama e forma letteraria convenzionale. Nel 1955, 1956 e 1958 furono pubblicate le traduzioni in inglese delle opere di Beckett.

Opera drammatica e Premio Nobel (1951-75)

  • Aspettando Godot (1953)
  • Endgame (1957)
  • L'ultimo nastro di Krapp (1958)
  • Happy Days (1961)
  • Riproduci (1962)
  • Non io (1972)
  • Catastrofe (1982)

Nel 1953, l'opera più famosa di Beckett, Aspettando Godot, ha debuttato al Théâtre de Babylone sulla Rive Gauche parigina. Roger Blin lo ha prodotto solo dopo aver convinto seriamente da Deschevaux-Dumesnil. Breve commedia in due atti in cui due uomini aspettano un terzo che non arriva mai, la tragicommedia ha subito suscitato scalpore. Molti critici hanno pensato che fosse una truffa, una bufala o almeno una farsa. Tuttavia, il leggendario critico Jean Anouilh lo considerava un capolavoro. Quando il lavoro fu tradotto in inglese e rappresentato a Londra nel 1955, molti critici britannici furono d'accordo con Anouilh.

"Aspettando Godot" Spettacolo all
Esibizione di "Waiting for Godot" di Samuel Beckett a New Orleans. 10 ottobre 2007. Salta Bolen / Getty Images

Lui seguì Godot con una serie di produzioni intense che hanno consolidato il suo status di drammaturgo visionario del XX secolo. Ha prodotto Fin de partie (successivamente tradotto da Beckett come Fine del gioco) nel 1957 in una produzione in lingua francese in Inghilterra. Ogni personaggio non è in grado di svolgere una funzione chiave, come sedersi, stare in piedi o vedere. Giorni felici, nel 1961, si concentra sulla futilità di formare relazioni e ricordi significativi, ma l'urgenza di questa ricerca nonostante quella futilità. Nel 1962, rispecchiando le figure del bidone della spazzatura Fine del gioco, Beckett ha scritto la commedia Giocare, che ha caratterizzato diversi attori in grandi urne, agendo solo con le loro teste fluttuanti. Questo è stato un periodo produttivo e relativamente felice per Beckett. Mentre lui e Deschevaux-Dumesnil vivevano come partner dal 1938, si sposarono formalmente nel 1963.

Beckett è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1969, per il suo lavoro sia in inglese che in francese. Nel discorso del Premio, Karl Gierow ha definito l'essenza del lavoro di Beckett come esistenzialista, trovata "nella differenza tra un facilmente acquisibile pessimismo che si accontenta di un imperturbabile scetticismo, e di un pessimismo che viene comprato a caro prezzo e che penetra fino al mondo miseria."

Beckett non ha smesso di scrivere dopo il suo Nobel; semplicemente è diventato sempre più minimalista. Nel 1972 Billie Whitelaw ha eseguito il suo lavoro Non io, un gioco rigorosamente minimalista in cui una bocca fluttuante parlava circondata da una tenda nera. Nel 1975 Beckett ha diretto la produzione fondamentale di Aspettando Godot a Berlino. Nel 1982 scrive Catastrofe, uno stridente gioco politico sulle dittature sopravvissute.

Stile e temi letterari

Beckett affermò che le sue influenze letterarie più formative erano Joyce e Dante e si considerava parte di una tradizione letteraria paneuropea. Era amico intimo di scrittori irlandesi tra cui Joyce e Yeats, che hanno influenzato il suo stile e il loro incoraggiamento ha rafforzato il suo impegno per la produzione artistica piuttosto che critica. Ha anche stretto amicizia ed è stato influenzato da artisti visivi tra cui Michel Duchamp e Alberto Giacometti. Mentre i critici spesso considerano le opere drammatiche di Beckett come contributi centrali al movimento del XX secolo, Theatre of the Absurd, Beckett stesso ha rifiutato tutte le etichette sul suo lavoro.

Per Beckett, il linguaggio è sia un'incarnazione delle idee di ciò che rappresenta, sia un'esperienza corporea carnosa di produzione vocale, comprensione uditiva e comprensione neuronale. Non può essere statico o anche completamente compreso dalle parti che lo scambiano. Il suo assurdismo minimalista esplora sia le preoccupazioni formali delle arti letterarie - fallibilità linguistiche e narrative - sia le preoccupazioni umane della creazione di significato di fronte a queste dissonanze.

Morte

Beckett si trasferì in una casa di cura parigina con Deschevaux-Dumesnil, che morì nell'agosto 1989. Beckett rimase in buona salute fino a quando non ebbe difficoltà a respirare ed entrò in ospedale poco prima della sua morte, il 22 dicembre 1989.

Bono al lancio del Festival del Centenario di Samuel Beckett - 29 marzo 2006
Bono pone accanto a un poster di Samuel Beckett durante Bono al lancio del Festival del Centenario di Samuel Beckett - 29 marzo 2006 al Castello di Dublino a Dublino, Irlanda.FilmMagic / Getty Images

Beckett's New York Times necrologio ha descritto la sua personalità come in definitiva empatica: "Sebbene il suo nome in forma aggettivale, Beckettian, entrato nella lingua inglese come sinonimo di desolazione, era un uomo di grande umorismo e compassione, nella sua vita come in il suo lavoro. Era un drammaturgo tragicomico la cui arte era costantemente instillata con mordente spirito ".

Legacy

Samuel Beckett è considerato uno degli scrittori di maggior impatto del XX secolo. Il suo lavoro ha rivoluzionato la produzione teatrale e il minimalismo, influenzando innumerevoli grandi filosofi e letterari tra cui Paul Auster, Michel Foucault e Sol LeWitt.

Fonti

  • "Discorso della cerimonia di premiazione". NobelPrize.org, www.nobelprize.org/prizes/literature/1969/ceremony-speech/.
  • Bair, Deirdre. Samuel Beckett: una biografia. Summit Books, 1990.
  • Knowlson, James. Dannato alla fama: la vita di Samuel Beckett. Bloomsbury, 1996.
  • "Samuel Beckett." Poetry Foundation, www.poetryfoundation.org/poets/samuel-beckett.
  • "Samuel Beckett." The British Library, 15 nov. 2016, www.bl.uk/people/samuel-beckett.
  • "La moglie di Samuel Beckett è morta a 89 anni a Parigi." The New York Times, 1 agosto. 1989, https://www.nytimes.com/1989/08/01/obituaries/samuel-beckett-s-wife-is-dead-at-89-in-paris.html.
  • "Il Premio Nobel per la letteratura 1969". NobelPrize.org, www.nobelprize.org/prizes/literature/1969/beckett/facts/.
  • Tubridy, Derval. Samuel Beckett e il linguaggio della soggettività. Cambridge University Press, 2018.
  • Testamenti, Matthew. "Samuel Beckett e il teatro della resistenza". JSTOR Daily, 6 gennaio. 2019.
instagram story viewer