Biografia di Albert Camus, filosofo franco-algerino

The best protection against click fraud.

Albert Camus (7 novembre 1913-4 gennaio 1960) è stato uno scrittore, drammaturgo e moralista franco-algerino. Era noto per i suoi prolifici saggi e romanzi filosofici ed è considerato uno degli antenati del movimento esistenzialista, anche se ha rifiutato l'etichetta. Il suo complicato rapporto con la comunità dei saloni parigini, in particolare con Jean-Paul Sartre, ha alimentato polemiche su molte delle sue opere morali. Ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1957 all'età di 43 anni, uno dei più giovani destinatari del premio.

Fatti veloci Albert Camus

  • Conosciuto per: Scrittore franco-algerino vincitore del premio Nobel le cui opere assurde esplorano l'umanesimo e la responsabilità morale.
  • Nato: 7 novembre 1913 a Mondovì, in Algeria
  • Genitori: Catherine Hélène Sintès e Lucien Camus
  • Morto: 4 gennaio 1960 a Villeblevin, Francia
  • Formazione scolastica: Università di Algeri
  • Opere selezionate:Lo sconosciuto, La peste, La caduta, Riflessioni sulla ghigliottina, Il primo uomo
  • Premi e riconoscimenti: 1957 Premio Nobel per la letteratura
  • instagram viewer
  • Coniugi: Simone Hié, Francine Faure
  • Bambini: Catherine, Jean
  • Citazione notevole: "Coraggio nella propria vita e talento nelle proprie opere, non è affatto male. E poi lo scrittore è fidanzato quando vuole. Il suo merito sta in questo movimento e fluttuazione ". E “Sono uno scrittore. Non sono io, ma la mia penna che pensa, ricorda e scopre. "

Vita e formazione

Albert Camus è nato il 7 novembre 1913 a Mondovi, in Algeria. Suo padre, Lucien Camus, proveniva da una famiglia di migranti francesi e ha lavorato in un'azienda vinicola fino a quando non fu messo in servizio durante la prima guerra mondiale. L'11 ottobre 1914, Lucien morì dopo essere stato ferito nel Battaglia della Marna. La famiglia Camus si trasferì nel quartiere operaio di Algeri poco dopo la morte di Lucien, dove Albert viveva con sua madre Catherine, suo fratello maggiore Lucien, sua nonna e due zii. Albert era molto devoto a sua madre, anche se avevano difficoltà a comunicare a causa dei suoi disturbi dell'udito e del linguaggio.

La povertà precoce di Camus fu formativa e gran parte dei suoi scritti successivi si concentrò sulla "terribile usura di povertà. " La famiglia non aveva né elettricità né acqua corrente nelle anguste tre stanze appartamento. Tuttavia, come file Pied-Noir, o europeo-algerino, la sua povertà non era completa come quella affrontata dalle popolazioni arabe e berbere in Algeria, che erano considerate cittadini di seconda classe nello stato controllato dalla Francia. Albert generalmente ha apprezzato la sua giovinezza ad Algeri, in particolare la spiaggia ei giochi di strada dei bambini.

Nella bottega dello zio di Camus (Etienne, cooper) ad Algeri nel 1920: Albert Camus (7 anni) è in c con abito nero
Nella bottega dello zio di Albert Camus ad Algeri nel 1920. Albert Camus (7 anni) è al centro con abito nero.Apic / Getty Images

L'insegnante di scuola elementare di Camus, Louis Germain, ha visto la promessa in Albert e lo ha tutelato per l'esame di borsa di studio per frequentare la scuola secondaria francese, conosciuta come la liceo. Albert morì e così continuò la sua formazione invece di iniziare a lavorare come suo fratello Lucien. Nella scuola secondaria, Camus ha studiato sotto l'insegnante di filosofia Jean Grenier. Più tardi, Camus ha scritto quel libro di Grenier Isole lo ha aiutato a ricordargli le “cose sante” e ha compensato la sua mancanza di educazione religiosa. A Camus fu diagnosticata la tubercolosi e per il resto della sua vita soffrì di attacchi debilitanti di malattia.

Nel 1933 Camus iniziò a studiare filosofia all'Università di Algeri e, nonostante molte false partenze, si tenne molto impegnato. Nel 1934 sposò il tossicodipendente bohémien della morfina Simone Hié, la cui madre sostenne finanziariamente la coppia durante il loro breve matrimonio. Camus apprese che Simone conduceva relazioni con i medici in cambio di droghe e la coppia si separò. Nel 1936 Camus scriveva come giornalista di sinistra Alger Républican, ha partecipato a una compagnia teatrale come attore e drammaturgo e si è unito al Partito Comunista. Tuttavia, nel 1937 Camus fu espulso dal partito per aver sostenuto i diritti civili arabi. Ha poi scritto un romanzo, Una morte felice, che non era considerato abbastanza forte per la pubblicazione, quindi pubblicò la sua raccolta di saggi nel 1937, Il lato sbagliato e il lato destro.

L'autore vincitore del premio Nobel Albert Camus
Lo scrittore francese Albert Camus, 1957.Archivio Bettmann / Getty Images

I voti di Camus non erano eccezionali, ma avrebbero dovuto renderlo idoneo allo studio di dottorato e alla certificazione come professore di filosofia. Tuttavia, nel 1938 la sua domanda per questo grado fu respinta dal Surgeon General di Algeri, in modo che il governo non avrebbe dovuto pagare le cure mediche per qualcuno con la storia di Camus. Nel 1939, Camus cercò di arruolarsi per combattere nella seconda guerra mondiale, ma fu respinto per motivi di salute.

I primi lavori e la seconda guerra mondiale (1940-1946)

  • Lo straniero (1942)
  • Il mito di Sisifo (1943)
  • L'incomprensione (1944)
  • Caligola (1945)
  • Lettere a un amico tedesco (1945)
  • Né vittime né carnefici (1946)
  • "The Human Crisis" (1946)

Nel 1940, Camus sposò un'insegnante di matematica, Francine Faure. L'occupazione tedesca ha spinto la censura del Alger Républican, ma Camus ha ottenuto un nuovo lavoro lavorando al layout del file Paris-Soir rivista, così la coppia si trasferì a Parigi occupata.

Camus pubblicato Lo straniero  (L 'Etranger) nel 1942 e la raccolta di saggi Il mito di Sisifo nel 1943. Il successo di questi lavori gli ha procurato un lavoro come editore lavorando con il suo editore, Michel Gallimard. Nel 1943 divenne anche direttore del giornale della resistenza Combattere.

Nel 1944 scrisse e produsse l'opera L'incomprensione, seguito da Caligola nel 1945. Ha sviluppato una solida comunità ed è entrato a far parte della scena letteraria parigina, facendo amicizia Simone de Beauvoir, Jean-Paul Sartre e altri nello stesso periodo in cui Francine ha dato alla luce due gemelli: Catherine e Jean. Camus ha guadagnato fama internazionale come pensatore morale dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ha scritto due raccolte di saggi: Lettere a un amico tedesco nel 1945 e Né vittime né carnefici nel 1946.

Il vincitore del Premio Nobel Albert Camus e sua moglie
Albert Camus con sua moglie mentre venivano intervistati da un giornalista a Parigi dopo che era stato annunciato che Camus aveva vinto il Premio Nobel per la letteratura.Archivio Bettmann / Getty Images

Sartre aveva tenuto una conferenza in America nel 1945 e aveva proclamato Camus una delle migliori nuove menti letterarie di Francia. Cavalcando quell'approvazione, nel 1946 Camus fece il suo tour e trascorse del tempo a New York e Boston. Ha tenuto un discorso (in francese) agli studenti della Columbia University sullo stato attuale della Francia chiamato "The Human Crisis". Mentre il discorso doveva parlare sulla letteratura e il teatro, il suo intervento si è invece concentrato sulla "lotta per la vita e per l'umanità". Spiegando la filosofia e la moralità della sua generazione, Camus disse:

Di fronte al mondo assurdo che i suoi anziani avevano inventato, non credevano in nulla e furono costretti a ribellarsi... Il nazionalismo sembrava una verità antiquata e una religione, una via di fuga. 25 anni di politica internazionale ci avevano insegnato a mettere in discussione qualsiasi nozione di purezza ea concludere che nessuno aveva mai sbagliato, perché tutti potevano avere ragione.

Conflitto politico e rivoluzione (1947-1955)

  • La peste (1947)
  • Stato d'assedio (1948)
  • I giusti assassini (1949)
  • Il ribelle (1951)
  • Estate (1954)

La guerra fredda e le lotte umane sotto il totalitarismo divennero sempre più importanti nel lavoro di Camus, e iniziò a concentrarsi più sulla tirannia e sulla rivoluzione che sui dilemmi morali tedeschi. Il secondo romanzo di Camus, La peste, segue una piaga devastante e distruttiva in modo casuale in Algeria francese ed è stato pubblicato nel 1947, seguito dalle sue commedie Stato d'assedio nel 1948 e I giusti assassini nel 1949.

Camus ha scritto un trattato sul comunismo, Il ribelle, nel 1951. Nel suo testo, ha scritto che Marx ha interpretato male il tipo di ateismo declamatorio di Nietzsche e Hegel e vedeva le idee come eterne, superando così l'importanza della lotta quotidiana dell'uomo. "Per Marx, la natura deve essere soggiogata per obbedire alla storia." Il trattato suggeriva che il comunismo sovietico marxista fosse un male più grave del capitalismo, una visione che si opponeva a quella di Sartre.

Sartre e Camus erano stati in disaccordo per alcuni anni sul lungo gioco storico e sull'importanza dell'individuo, ma la loro discordia si è conclusa con Il ribelle. Quando un capitolo del trattato fu pubblicato preventivamente sul giornale di Sartre Les Temps Modernes, Sartre non ha rivisto il lavoro di persona, ma lo ha assegnato a un editore che ha cercato di smantellarlo Il ribelle. Camus ha scritto una lunga confutazione, suggerendo che "teoricamente [liberare] l'individuo" non era sufficiente se le persone continuavano ad affrontare le difficoltà. Sartre ha risposto nello stesso numero, annunciando pubblicamente la fine della loro amicizia. Camus rimase deluso dalla scena intellettuale parigina e scrisse un'altra confutazione, ma non la pubblicò mai.

La protesta di Wall Street continua a New York
Una donna tiene un libro dell'attivista letterario francese Albert Camus nel Parco Zuccotti insieme a membri del Occupa il movimento di Wall Street prima di marciare verso il ponte di Brooklyn il 1 ° ottobre 2011 a New York Città.Mario Tama / Getty Images

Camus in Algeria divenne irto negli anni '50. Ha pubblicato una nostalgica raccolta di saggi sull'Algeria, Estate, nel 1954, pochi mesi prima che il Fronte rivoluzionario algerino di liberazione nazionale (FLN) iniziasse a uccidere pied-noirs per protestare contro la disuguaglianza. I francesi si vendicarono nel 1955 e uccisero e torturarono indiscriminatamente combattenti e civili arabi e berberi dell'FLN. Camus era contrario sia alle tattiche violente dell'FLN che agli atteggiamenti razzisti del governo francese. In conflitto, alla fine si è schierato dalla parte dei francesi, dicendo "Credo nella giustizia, ma difenderò mia madre davanti alla giustizia". Sartre si schierò con l'FLN, approfondendo ulteriormente il loro scisma. Camus è andato in Algeria e ha suggerito l'autonomia algerina all'interno di un impero francese insieme a una tregua civile, che nessuna delle due parti ha sostenuto. Il conflitto durò fino al 1962, quando l'Algeria ottenne l'indipendenza, provocando la fuga di pied-noirs e segnando la fine dell'Algeria che Camus ricordava.

Premio Nobel e Il primo uomo (1956-1960)

Camus ha voltato le spalle al conflitto algerino per scrivere La caduta nel 1956, un romanzo meditativo incentrato su un avvocato francese che racconta la sua vita e le sue mancanze. Nel 1957, Camus pubblicò una raccolta di racconti, Esilio e Regno, e un saggio, “Reflections on the Guillotine”, che condannava la pena di morte.

Quando Camus ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1957, pensò che fosse una mossa politica. Sebbene credesse che André Malraux meritasse il premio, in quanto "francese d'Algeria", sperava che il premio potesse favorire il cameratismo durante il conflitto, e quindi non lo rifiutò. Camus era isolato e in cattive condizioni con entrambe le sue comunità a Parigi e in Algeria, tuttavia rimase fedele alla natura politica del suo lavoro, dicendo nel suo discorso di accettazione:

L'arte non deve scendere a compromessi con menzogne ​​e servitù che, ovunque governino, generano solitudine. Qualunque siano le nostre debolezze personali, la nobiltà del nostro mestiere sarà sempre radicata in due impegni, difficili da mantenere: il rifiuto di mentire su ciò che si conosce e la resistenza oppressione.

Anche se era il secondo più giovane destinatario nella storia del Nobel, ha detto ai giornalisti che la vita Il premio alla realizzazione gli ha fatto mettere in dubbio il lavoro che avrebbe fatto dopo: “Il Nobel mi ha dato la sensazione improvvisa di essere vecchio. "

Libri firmati da Albert Camus
Albert Camus, raffigurato durante la firma di un libro dopo aver ricevuto recentemente il Premio Nobel per la letteratura.Archivio Bettmann / Getty Images

Nel gennaio 1959, Camus utilizzò le sue vincite per scrivere e produrre un adattamento di Dostoyevsky I Posseduti. Acquistò anche una fattoria nella campagna francese e iniziò a lavorare sul serio al suo romanzo di auto-fiction, Il primo uomo. Ma questo idillio familiare non era armonioso. Francine soffriva di malattie mentali e Camus ha svolto diversi affari simultanei. Alla fine del 1959, scriveva lettere d'amore a un'artista danese noto come Mi, l'americana Patricia Blake, l'attrice Catherine Sellers e l'attrice Maria Casares, con cui Camus usciva da oltre 15 anni anni.

Stile e temi letterari

Camus si descriveva come un ateo con "preoccupazioni cristiane", mentre si concentrava sul significato della vita, ragioni di vita e moralità, a differenza dei suoi contemporanei che erano più preoccupati della coscienza e della libertà volere. Camus ha citato l'antica filosofia greca come un'influenza determinante, dicendo in un'intervista che "Sento di avere un cuore greco... i Greci non rinnegarono i loro dèi, ma hanno dato loro solo la loro parte ". Ha trovato ispirazione nel lavoro di Blaise Pascal, in particolare il suo Penneées, un argomento in cinque parti sui meriti di credere in un Dio. Gli piaceva anche Guerra e Pace e Don Chisciotte, che ammirava per aver rappresentato un eroe che viveva al di fuori della realtà della vita.

Camus ha diviso il suo lavoro in cicli che rimuginano su un singolo problema morale, ma è stato in grado di completare solo due dei cinque pianificati prima della sua morte. Il primo ciclo, The Absurd, conteneva Lo straniero, il mito di Sisifo,L'incomprensione, e Caligola. Il secondo ciclo, Revolt, era composto da La peste, il ribelle, e I giusti assassini. Il terzo ciclo doveva essere incentrato sul giudizio e contenuto Il primo uomo, mentre gli schizzi per il quarto (Amore) e il quinto (Creazione) cicli erano incompleti.

Camus non si considerava un esistenzialista, anche se trovò ispirazione nelle opere esistenzialiste di Dostoevskij e Nietzsche. Si considerava anche uno scrittore morale, piuttosto che un filosofo, sostenendo che "non sono un filosofo, e per me il pensiero è un'avventura interiore che matura, che ferisce o trasporta".

Morte

Dopo aver festeggiato il Natale e il capodanno nella loro casa di campagna a Lourmarin, la famiglia Camus è tornata a Parigi. Francine, Catherine e Jean presero il treno, mentre Camus guidava con la famiglia Gallimard. Hanno lasciato Lourmarin il 3 gennaio e il viaggio avrebbe dovuto durare due giorni. Nel pomeriggio del 4 gennaio, l'auto di Camus ha sterzato, lasciando la strada a Villeblevin, e ha colpito due alberi. Camus morì immediatamente e Michel morì in ospedale pochi giorni dopo. Tra le macerie, la polizia ha recuperato una valigetta contenente il manoscritto manoscritto incompiuto per Il primo uomo, ambientato in Algeria e dedicato a sua madre, nonostante il suo analfabetismo.

Auto in cui morì Albert Camus
I soccorritori danno un'ultima occhiata al relitto in frantumi della potente auto Facel Vega costruita su misura in cui il famoso autore francese Albert Camus ha incontrato la morte a est di Parigi.Archivio Bettmann / Getty Images

Cinquant'anni dopo la morte di Camus, furono scoperte annotazioni di diario che suggerivano che agenti sovietici avevano forato i pneumatici dell'auto di Camus per provocare l'incidente. La maggior parte degli studiosi scredita questa teoria, poiché gli incidenti stradali mortali in Francia negli anni '60 superavano di gran lunga il numero negli stati vicini a causa del fascino francese per le auto veloci.

Legacy

Nonostante il loro pubblico in disaccordo, Sartre ha scritto un commovente necrologio per Camus, dicendo che:

Qualunque cosa abbia fatto o deciso successivamente, Camus non avrebbe mai cessato di essere una delle forze principali della nostra attività culturale o di rappresentare a suo modo la storia della Francia e di questo secolo. Ma probabilmente avremmo dovuto conoscere e capire il suo itinerario. Lo ha detto lui stesso: "Il mio lavoro mi aspetta." Adesso è finita. Lo scandalo particolare della sua morte è l'abolizione dell'ordine umano da parte dei disumani.

In una successiva intervista, Sartre ha descritto Camus come "probabilmente il mio ultimo buon amico".

Camus rifletté Il primo uomo essere il suo lavoro più importante ed espresse agli amici che avrebbe segnato l'inizio della sua vera carriera di scrittore. La guerra algerina era preclusa Il primo uomoÈ stata pubblicata dopo la morte di Camus, e non è stato fino al 1994 quando il testo incompiuto è stato pubblicato, in parte dovuto alla guerra civile in Algeria e il sostegno di alcuni scrittori ed editori algerini, che si sono identificati con Camus ' lavoro.

La sua eredità di scrittore algerino e francese è controversa. Sebbene sia celebrato in Francia come autore francese, suggerisce che venga reinterpretato nel Il Panthéon di Parigi insieme ad altre icone letterarie francesi fu accolto con disgusto da Jean Camus e French liberali. In Algeria, Camus rimane l'unico vincitore del Premio Nobel della nazione, ma molti lo allineano con il colonialista atteggiamenti e un imperialismo culturale francese continuato, rifiutando la sua inclusione in un letterario algerino tradizione. Un tour di eventi che celebravano Camus nel 50 ° anniversario della sua morte è stato impedito in Algeria, a seguito di una controversa petizione - Alert for the Anticolonial Conscience - contro gli eventi.

Fonti

  • Beaumont, Peter. "Albert Camus, l'Esterno, continua a dividere le opinioni in Algeria a 50 anni dalla sua morte". Il guardiano, 27 feb. 2010, https://www.theguardian.com/books/2010/feb/28/albert-camus-algeria-anniversary-row.
  • Camus, Albert. Il ribelle. Tradotto da Anthony Bower, Alfred A. Knopf, 1991.
  • Camus, Albert. "Discorso di Albert Camus al banchetto del Nobel, 10 dicembre 1957". Il progetto Caravan, http://www.caravanproject.org/albert-camus-speech-nobel-banquet-december-10-1957/.
  • Hage, Volker. "La caduta di Camus e Sartre." Spiegel Online, 6 nov. 2013, https://www.spiegel.de/international/zeitgeist/camus-and-sartre-friendship-troubled-by-ideological-feud-a-931969-2.html.
  • Martello, Joshua. "Perché Albert Camus è ancora uno sconosciuto nella sua nativa Algeria?" Smithsonian Magazine, Ott. 2013.
  • Hughes, Edward J. Albert Camus. Reaktion Books, 2015.
  • Kamber, Richard. Su Camus. Wadsworth / Thomson Learning, 2002.
  • Lennon, Peter. "Camus e le sue donne." Il guardiano, 15 ott. 1997, https://www.theguardian.com/books/1997/oct/15/biography.albertcamus.
  • Mortensen, Viggo, performer. “The Human Crisis” di Albert Camus letto da Viggo Mortensen, 70 anni dopo. Youtube, https://www.youtube.com/watch? v = aaFZJ_ymueA.
  • Sartre, Jean-Paul. "Omaggio ad Albert Camus." La rivista Reporter, 4 feb. 1960, p. 34, http://faculty.webster.edu/corbetre/philosophy/existentialism/camus/sartre-tribute.html.
  • Sharpe, Matthew. Camus, Philosophe: To Return to Our Beginnings. BRILL, 2015.
  • Zaretsky, Robert. Albert Camus: Elements of a Life. Cornell University Press, 2013.
  • Zaretsky, Robert. “Un complotto russo? No, un'ossessione francese. " New York Times, 13 ago. 2013, https://www.nytimes.com/2011/08/14/opinion/sunday/the-kgb-killed-camus-how-absurd.html.
instagram story viewer